Carbonin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carbonin
frazione
Carbonin/Schluderbach
Carbonin – Veduta
Il centro di Carbonin, sullo sfondo il Monte Piana
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Stemma Südtirol.svg Bolzano
Comune Dobbiaco-Stemma.png Dobbiaco
Territorio
Coordinate 46°37′13″N 12°13′02″E / 46.620278°N 12.217222°E46.620278; 12.217222 (Carbonin)Coordinate: 46°37′13″N 12°13′02″E / 46.620278°N 12.217222°E46.620278; 12.217222 (Carbonin)
Altitudine 1 440 m s.l.m.
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale 34011
Prefisso 0474
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Carbonin
Carbonin

Carbonin (Schluderbach in tedesco) è una località del comune italiano di Dobbiaco, in provincia di Bolzano.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il treno della ferrovia delle Dolomiti presso Carbonin
Carbonin vista dal monte Rudo. Nella foto l'incrocio tra le due strade statali, che portano a Cortina i valichi del passo Cimabanche e del passo Tre Croci

Carbonin si colloca fra la val di Landro e l'omonimo lago, la valle del Rienza e la Valle del Rio Popena ed è attraversata dalla strada di Alemagna che congiunge la val Pusteria in Alto Adige a Cortina d'Ampezzo, provincia di Belluno nel Veneto.

La località si posiziona quindi alla confluenza di ben tre parchi naturali dolomitici: Tre Cime, Fanes-Sennes-Braies e di Ampezzo.

La località non è da confondere con Carbonin vecchia (Altschluderbach), luogo che si trova ben 13 km a nord, nei pressi di Dobbiaco, e noto perché il compositore Gustav Mahler vi compose alcuni brani.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo "Carbonin" assegnato dagli abitanti della vicina Auronzo di Cadore, deriva dal fatto che nel 1800 il legname tagliato nei boschi circostanti veniva utilizzato dalle numerose carbonaie ivi presenti.

Il toponimo tedesco è comunque quello originario, attestato sin dal 1318 come Sluderpache e nel 1430 come Sluderpach; esso si riferisce a un corso d'acqua irrequieto.[1]

Un altro toponimo tedesco, Leger, è attestato successivamente, nel 1840, e fa riferimento al luogo di accatastamento della legna pronto a essere asportata (dal ted. "Lagerplatz").[2]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Effetti dell'artiglieria italiana durante la prima guerra mondiale su un albergo a Carbonin

La Carbonin odierna è un luogo di villeggiatura, costituito da un piccolo complesso di caseggiati, nelle vicinanze (a 3 km) del lago di Landro, nella omonima valle. Il "paese", se così si vuol definire, è composto principalmente da una casa per ferie, denominata residence Villaggio Ploner.

Presso il paese passa l'alta via n. 3, che partendo da Villabassa giunge a Longarone.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

A Carbonin vi è il bivio con la SS 48 bis che, superato il Col Sant'Angelo porta a Misurina (e al lago di Misurina) per poi ricongiunsersi con la SS 48 da Auronzo a Cortina. L'altra diramazione porta invece sempre a Cortina d'Ampezzo, ma superando il passo di Cimabanche.

La stazione di Carbonin-Misurina sorgeva lungo la ferrovia delle Dolomiti, attiva in questa tratta fra il 1921 e il 1962[3]; soppresso il servizio, il percorso è stato riadattato a pista ciclabile in estate e pista da sci di fondo in inverno.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 1, Bolzano, Athesia, 1995, p. 417. ISBN 88-7014-634-0
  2. ^ Kühebacher, op. cit.
  3. ^ Evaldo Gaspari, La ferrovia delle Dolomiti. Calalzo-Cortina d’Ampezzo-Dobbiaco. 1921-1964, Athesia edizioni, Bolzano 2005. ISBN 88-7014-820-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige