Mario Nicolis di Robilant

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mario Nicolis di Robilant (Torino, 28 aprile 1855Roma, 23 luglio 1943) è stato un militare e politico italiano, noto per aver guidato la 4ª Armata del Regio Esercito durante la prima guerra mondiale.

Mario Nicolis di Robilant
General Di Robilant - Italian Military Representative on the Supreme War Council, Versailles Art.IWMART4211.jpg

Senatore del Regno d'Italia
Gruppo
parlamentare
liberale democratico prima e unione democratica poi

Dati generali
Professione militare
Mario Nicolis di Robilant
Dati militari
Paese servito Italia Regno d'Italia
Forza armata Italia Regio esercito
Arma Esercito
Corpo Fanteria
Anni di servizio 1871 - 1924
Grado Tenente generale in comando di corpo d'armata
Guerre Prima guerra mondiale
Campagne Fronte italiano
Battaglie Battaglia di monte Piana
Prima battaglia del Piave
Studi militari Accademia militare di Torino
voci di militari presenti su Wikipedia
Heraldic Crown of Spanish Count.svg
Mario Nicolis di Robilant
Conte
In carica 11 giugno 1936 –
23 luglio 1943
Investitura Titolo concesso motu proprio da Vittorio Emanuele III di Savoia
Predecessore Titolo inesistente
Successore Titolo estinto
Trattamento Sua Eccellenza
Altri titoli Nobile dei conti di Robilant
Signore di Cereaglio
Dinastia Nicolis di Robilant
Padre Carlo Alberto Nicolis di Robilant
Madre Lidia Nomis di Pollone
Consorte Margherita Francesetti di Hautecour
Figli Irene
Gabriella
Margherita
Maria Luisa
Religione cattolicesimo

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Mario Nicolis di Robilant nacque a Torino nel 1855, figlio del conte Carlo Alberto e di sua moglie, la nobildonna Lidia Nomis di Pollone. A Torino, il Robilant frequentò nell'agosto 1874 l'Accademia Reale, uscendone sottotenente ed assegnato ad un reggimento di artiglieria. Ottenuta la promozione a tenente, Robilant nel 1882 fu inviato presso lo Stato Maggiore del Regio Esercito dove rimase fino all'aprile 1890, quando fu trasferito col grado di maggiore nel 10º Reggimento bersaglieri. L'anno nuovo, il 1891, lo vide aiutante di campo di Vittorio Emanuele di Savoia-Aosta, e dopo quattro anni, quando era già tenente colonnello, diventò capo di Stato Maggiore della divisione Bologna.

Promosso colonnello, venne incaricato di guidare il 68º Reggimento di fanteria, ma nel 1898 ritornò nello Stato Maggiore dell'esercito. Presto Robilant diventò maggiore generale e assunse nel 1903 il comando della brigata Basilicata per poi, nell'aprile 1908, essere destinato al Ministero degli Affari Esteri[1] con l'incarico di addestrare la gendarmeria macedone insieme ai carabinieri[2].

Tenente generale nel 1910, un anno dopo era al comando della divisione Piacenza prima e della Torino poi, finché non venne nominato capo del XII Corpo d'armata nel 1914.

La prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Allo scoppio della prima guerra mondiale Robilant si trovava al vertice del IV Corpo d'armata che condusse alla conquista del Monte Nero[1], quindi nel settembre 1915 assunse il comando della 4ª Armata stanziata sul Cadore.

Dal dicembre del 1915 sostituì Luigi Nava nella conduzione delle forze italiane nella inconcludente Battaglia di monte Piana.

Il 23 febbraio 1917 venne nominato Senatore del Regno d'Italia giurando il 27 giugno[3].

A seguito della disfatta di Caporetto del Regio Esercito gli fu ordinato dal generale Luigi Cadorna di ritirarsi nei pressi del monte Grappa, ma egli, che forse non si era reso conto della gravità della situazione[4], ordinò di ripiegare con un ritardo che causò la cattura di circa 11.500 uomini[5], intrappolati dalle forze di Otto von Below. A questo suo grave errore comunque Robilant rispose poco tempo dopo vincendo la prima battaglia del Piave, e nel febbraio del 1918 lasciò la 4ª Armata per passare alla 5ª. Finì la guerra rappresentando l'Italia al Consiglio Supremo di Guerra Interalleato di Versailles.

Robilant fece ritorno al suo paese nel febbraio del 1919 per prendere il comando dell'8ª Armata, ma il 30 novembre, dietro sua specifica richiesta, venne congedato (aveva 64 anni). Prima di morire a Roma nel 1943, ricevette l'ultima promozione nel 1925 a generale d'armata della riserva.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Grande ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine militare di Savoia
— 24 maggio 1919[6]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia
Croce di Guerra al Valor Militare - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Guerra al Valor Militare
Croce al merito di guerra - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito di guerra
Medaglia mauriziana per merito militare di 10 lustri - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia mauriziana per merito militare di 10 lustri
Medaglia d'Oro al merito di lungo comando nell'esercito (20 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'Oro al merito di lungo comando nell'esercito (20 anni)
Croce d'oro per anzianità di servizio (ufficiali e sottufficiali, 40 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'oro per anzianità di servizio (ufficiali e sottufficiali, 40 anni)
Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 18 (4 anni di campagna) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 18 (4 anni di campagna)
Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia
Medaglia commemorativa italiana della vittoria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa italiana della vittoria
Croce commemorativa della 4ª Armata - nastrino per uniforme ordinaria Croce commemorativa della 4ª Armata

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
Grand'Ufficiale dell'Ordine di Leopoldo (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine di Leopoldo (Belgio)
Grand'Ufficiale dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Serbia) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Serbia)
Croix de Guerre francese del 1914–1918 - nastrino per uniforme ordinaria Croix de Guerre francese del 1914–1918
Distinguished Service Medal (Stati Uniti) - nastrino per uniforme ordinaria Distinguished Service Medal (Stati Uniti)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Mario Nicolis di Robilant, su digilander.libero.it. URL consultato il 24 marzo 2010.
  2. ^ 1904-1911 In Macedonia: una Gendarmeria da riorganizzare, su carabinieri.it. URL consultato il 25 marzo 2010.
  3. ^ Scheda senatore Mario Nicolis di Robilant, su notes9.senato.it. URL consultato il 24 marzo 2010.
  4. ^ Il ritardo della 4ª Armata, su frontedolomitico.it. URL consultato il 24 marzo 2010.
  5. ^ Silvestri, Mario, Caporetto, una battaglia e un enigma, p. 230, Milano, Bur, 2006. ISBN 88-17-10711-5
  6. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Comandante generale delle truppe alpine Successore CoA mil ITA cdo Comalp.jpg
Tullo Masi 24 maggio - 29 luglio 1915 Giulio Tassoni
Controllo di autorità VIAF: (EN305323435
Grande Guerra Portale Grande Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Grande Guerra